Larghi vialoni, piazze sovrastate da statue e architetture monumentali. Passeggiare per le vie di Torino è una esperienza sorprendente che permette di scoprire edifici dall’eleganza aristocratica e complessi di architettura contemporanea. Oltre alla Mole Antonelliana, che per anni è stato l’edificio più alto della città, sono tante le architetture che fanno di questa città un piccolo gioiello da scoprire ed ammirare. Noi ce ne siamo innamorati!

Torino città da scoprire tra architetture e design contemporaneo

Nonostante sia trascorso molto tempo dalla destituzione della monarchia sabauda, a Torino ancora si respira chiaramente lo splendore di una città che fu Capitale del Regno d’Italia. Un luogo caratterizzato da spazi ampi e architetture dalle diverse influenze architettoniche. Nei quartieri Cit Turin e San Donato infatti, si possono ammirare alcuni tra gli edifici più interessanti del Liberty in Italia. Nel 1902 Torino è stata capitale dell’Esposizione Internazionale d’Arte Decorativa Moderna, proprio a quell’epoca risalgono Casa Fenoglio – La Fleur e la Casa dei Draghi, costruzioni incantevoli che valsero al capoluogo piemontese il titolo di capitale italiana del Liberty.

Torino città da scoprire tra architetture e design contemporaneo || Casa Fenoglio - La Fleur - Liberty italianoCasa Fenoglio – La Fleur esalta lo stile liberty belga-francese e allo stesso tempo l’art nouveau con fregi floreali, balconi in ferro battuto e la splendida vetrata policroma.

Torino città da scoprire tra architetture e design contemporaneo || Casa dei Draghi - Liberty italianoLa casa dei draghi è un edificio voluto dal Cavaliere del Lavoro Giovanbattista Carrera per celebrare la vittoria del primo conflitto mondiale è stato progettato da Gottardo Gussoni. Il palazzo è un mix tra lo stile neogotico alla francese e il liberty. Costruito su 5 piani, la Casa dei Draghi o della Vittoria è riccamente decorata a partire dallo splendido portone d’ingresso, la torretta merlata e le balaustre dei balconi. La facciata è ricca di dettagli zoomorfi ed allegorici e sormontata da 2 draghi alati, da cui prende il nome.

torino casa dei draghi - liberty

Torino però è anche sinonimo di Museo Egizio. Alcuni tra i più importanti reperti archeologici si trovano qui, nel più antico museo interamente dedicato alla civiltà nilotica. Una tappa che consigliamo agli amanti della storia e non solo, alla scoperta di personaggi iconici per l’archeologia sul Nilo, tra tutti Ernesto Schiaparelli, che fu anche direttore del celebre museo, e allestimenti spettacolari. In particolare lo Statuario di Dante Ferretti che ha reinterpretato una tra le sale più suggestive dell’esposizione museale. Specchi e luci soffuse che raccontano i Riflessi di pietra.

Torino città da scoprire tra architetture e design contemporaneo || Museo Egizio Statuario di Dante Ferretti

Tra ristoranti storici e proposte contemporanee la scelta è davvero ampia, ma noi vi consigliamo di non perdere Dash Kitchen. Il progetto del architetti torinese Fabio Fantolino all’interno di una ex tipografia.

Torino città da scoprire tra architetture e design contemporaneo || Dash Kitchen un progetto di Fabio Fantolino

Cemento a vista, arredi seventies in un mix di brutalità e raffinatezza estrema, i contrasti di Dash Kitchen raccontano di atmosfere industrial contemporanee e citazioni storiche. Il tutto condito da una proposta culinaria davvero interessante. Nel cuore di San Salvario il ristorante progettato da Fantolino accoglie gli ospiti con le sue luci soffuse e con strutture architettoniche nude che caratterizzano gli spazi che hanno il fascino della Grande Mela. Se siete a Torino concedetevi una cena o anche soltanto un cocktail per una drinking experience internazionale!

Torino città da scoprire tra architetture e design contemporaneo || Dash Kitchen un progetto di Fabio Fantolino

Torino città da scoprire tra architetture e design contemporaneo || Dash Kitchen un progetto di Fabio Fantolino

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI
Share on FacebookShare on LinkedInTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *