Estetica raw e atteggiamento provocatorio, il sistema modulare progettato da Konstantin Grcic per Vitra strizza l’occhio alle richieste delle aziende giovani con esigenze di personale sempre diverse e spazi co-working

#Hack, Vitra. Design by Konstantin Grcic ||  #creative #desk

Era il 1950 quando al MIT di Cambridge veniva coniato il termine hack, con lo scopo di descrivere una soluzione ingegnosa ideata da un hacker. Il naming scelto per l’ultimo progetto dell’architetto tedesco Grcic non è affatto casuale, si pone infatti come una sorta di provocazione nei con fronti dei tradizionali spazi da ufficio disegnando un ambiente pratico e creativo, capace di adattarsi ai cambiamenti dinamici delle strutture degli uffici contemporanei.

#Hack, Vitra. Design by Konstantin Grcic ||  #creative #deskHack è un sistema modulare e personalizzabile formato da elementi che permettono di adattarsi per soddisfare necessità differenti; questi pannelli grezzi si presentano come un’istantanea di un progetto sperimentale in fase di sviluppo. Il raw design è pensato per adattarsi all’immagine di un’azienda laboratorio, che non ha paura dei cambiamenti.

#Hack, Vitra. Design by Konstantin Grcic ||  #creative #deskIl progetto di Konstantin Grcic propone un nuovo modo di intendere la scrivania d’ufficio: non più un immobile simulacro simbolo di potere, ma una struttura mobile, personalizzabile e dinamica. Una soluzione funzionale dove ogni elemento è autonomo, e cui adattabilità consente di soddisfare esigenze diverse. I pannelli sono di legno grezzo e la struttura in metallo, per un sistema di scrivanie semplice e customizzabile. La soluzione elaborata da  Grcic risponde alle esigenze contemporanee di un ambiente lavorativo vivace, condiviso e cangiante, che si adatta ad un ambiente dinamico. Il risultato è un sistema di scrivanie multiforme.

#Hack, Vitra. Design by Konstantin Grcic ||  #creative #deskLa struttura si presenta come una ampio piano di lavoro (regolabile in altezza) e un pannello divisorio, che permette di aumentare la privacy in caso ci sia bisogno di più concentrazione. Il meccanismo ad azionamento manuale aumenta la versatilità di questo sistema e permette facilmente di chiudere la scrivania verticalmente chiudendo le due partizioni laterali verso l’interno. Nella posizione più bassa Hack può essere rifinito con cuscini ed essere utilizzato come divano. Lavoro e riposo dunque di uniscono in un’unica struttura.

Per vedere il contenuto accetta i cookie e ricarica la pagina

La struttura di Hack è robusta e ridotta all’essenziale. Le resistenti cerniere che collegano i tre pannelli in legno sono elementi metallici lavorati con precisione che facilitano la funzione di ripiegamento intelligente, garantendone al tempo stesso la stabilità. La regolazione in altezza a variazione continua del top del tavolo è azionata manualmente mediante una maniglia nascosta o una manovella, una funzionalità che consente di regolare l’altezza del tavolo in pochi secondi.

#Hack, Vitra. Design by Konstantin Grcic ||  #creative #deskInoltre Hack è ecologicamente sostenibile, i tavoli infatti sono realizzati secondo principi di efficienza energetica utilizzando componenti in legno prodotti localmente e assemblati da Vitra mediante elementi metallici prefabbricati.

#Hack, Vitra. Design by Konstantin Grcic ||  #creative #desk

Credit image: Vitra.com
Ti interessa l’arredo da ufficio? Leggi anche “UFFICI DA SOGNO”
CONDIVIDI CON I TUOI AMICI
Share on FacebookShare on LinkedInTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *