Rifugio dal resto del mondo o luogo di tensione e fonte di stress? Che relazione esiste tra la casa, gli arredi e i rapporti inter-familiari?
Life at Home Report è la ricerca di IKEA racconta le abitudini delle famiglie per la conquista della propria casa. E “rovina” un po’ la visione che considera la casa come un’isola felice in cui rilassarsi!

IKEA Life at Home Report

La relazione con gli spazi con le persone e gli oggetti è alla base di piccole battaglie quotidiane che ciascuno affronta in modo differente e che è fondamentale per rivendicare il proprio spazio all’interno dell’ambito familiare. L’analisi di IKEA sui cambiamenti degli stili di vita ha evidenziato diversi aspetti legati al vivere quotidiano, tra cui la difficoltà a disfarsi di oggetti a cui siamo legati che diventa fonte di stress e ansia.

L’analisi, durata 6 mesi, è stata condotta su 22.000 persone tra i 18 e i 65 anni, in 22 diversi Paesi.  La metodologia dell’indagine è un mix tra quantitativa e qualitativa-psicologica.

IKEA Life at Home Report

Dalla ricerca emerge che la casa è un “campo di battaglia”, in cui il rapporto con le altre persone è spesso fonte di discussione. Addirittura, 1 confronto su 6 nasce quando qualcuno invade il nostro spazio: in casa infatti, ogni spazio (stanza, sedia, oggetto) ha un suo “proprietario” che ne esprime l’identità. L’invasione del proprio spazio può essere fonte di stress e di aggressività.  Soprattutto quando è difficile reclamarlo.

La sfida più dura da affrontare è infatti trasferirsi nella casa di qualcun altro: il 44% degli intervistati ritiene addirittura sbagliato rivendicare i propri spazi quando ci si trasferisce. Da una parte c’è la necessità di rispettare lo spazio di chi lo occupa , dall’altra la difficoltà di “sentirsi a casa” quando questa è di qualcun altro.

IKEA Life at Home Report

Se vi state chiedendo in quale ambiente si litiga di più, la risposta non è la camera da letto, ma il soggiorno! Una zona fluida dove gli spazi personali si confondono ed è difficile stabilire dei confini netti. Oggi che le case sono sempre più piccole, la sala è quasi sempre uno spazio di condivisione attorno al televisore, ma anche luogo di contrasti. In controtendenza l’Italia, dove il luogo in cui si litiga di più è invece la cucina! Che, nella nostra cultura, si conferma il cuore della casa.

Un altro dato interessante da mettere in evidenza è che le piccole metrature sono spesso tra le cause e conseguenze dei contrasti familiari. Ambienti sempre più ridotti in cui è fondamentale razionalizzare gli spazi, mantenerli ordinare e, spesso, anche buttarli. Un’azione non facile, il nostro legame con gli oggetti è spesso emozionale e va oltre la funzionalità.

 

 

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI
Share on FacebookShare on LinkedInTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *